NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
07-06-2008 - FESTA A VICO : LA SFILATA DEI GRANDI



Festa a Vico, giorno Tre: La Sfilata dei Grandi

Martedì 10 Giugno, Marina di Aequa splende di una luce brillante riflessa dal mare, una serata d'estate come questa ce l'auguriamo sempre di poterla vivere; Oggi si celebrano i grandi Chef Italiani che si sono riuniti al Complesso Le Axidie armeggiando tra le decine e decine cucine da campo arrangiate per la chiusura di questo bellissimo evento.

Sono tutti qui, a vederli fanno strano, qualcuno si è abituato negli anni a vederli patinati sulle pagine delle migliori riviste specializzate, in Tv o ai vari teatri della cucina, tralasciando che questi faticano veramente, e quindi vedere Moreno Cedroni intento a tagliare pomodori per l'insalata ci riavvicina alla realtà, "ammirare" Igles Corelli non solo per il fascino del ricciolo platino ma per la velocità tecnica nello spolpare la sua anatra ci ricorda da dove vengono, buffo vedere il team madrelingua tedesca capitanato da Norbert Niederkofler, Herbert Hintner e Karl Baumgartner pelare patate e crauti, poi ancora Massimo Bottura, Bruno Barbieri, Nino Di Costanzo, Stefania Moroni, Chicco Cerea alla continua ricerca di falanghina per la sua vellutata, Filippo Chiappini Dattilo, Tonino Cannavacciuolo e tanti tanti altri tutti assorti nelle proprie preparazioni in un convivio di emozioni e profumi da custodire e farne storia.

L'ambiente è fantastico, il complesso Le Axidie si estende lungo la cala ovest della marina e la passeggiata sul lungomare sembra essere il teatro naturale per questo evento unico nel suo genere in Italia (forse nel mondo), questa sera le aziende vinicole che non hanno voluto mancare l'appuntamento sono tante, selezionatissime quelle campane, Mastroberardino, Grotta del Sole, Villa Matilde e Feudi di San Gregorio a fare gli onori di casa, lungo i banchi di assaggio c'è da perdersi tra strette di mano e complimenti a Maria Luisa Manna (Franz Haas), Giampaolo Motta (Fattoria La Massa) Francesco Planeta, c'è poi ancora Simcic, Felluga, Torrevento, il Consorzio del Chianti Classico e molti altri ancora; C'è anche Teo Musso con le sue deliziose birre Baladin e la prestigiosa Maison Jacquesson con uno straordinario Champagne, cuveè 732 che a dirla tutta non ho mai perso di vista per tutta la serata.

Gli invitati sono tantissimi, si susseguono in un fluire lento ma continuo, all'apertura dei banchi di degustazione Gennaro Esposito sembra finalmente rilassato, la macchina organizzativa mossa quest'anno, seppur di proporzione enorme, non ha concesso sbavature e l'entusiasmo che pervade tutto il suo entourage va a conferma di un valore straordinario che si rinnova ogni anno e a cui va dato merito di comunicare il wine&food (soprattutto made in Italy) con un impegno eccezionale ed un risultato altrettando encomiabile.

La festa vive momenti di ressa quando si sparge la voce della riuscitissima preparazione di Tonino Mellino (Quatro Passi), la Perla di Scampi in guazzetto di frutti di mare, ma in realtà il successo è di tutti i piatti presentati, qualcuno di questi soffre certamente delle condizioni "da campo" in cui viene creato ma sicuramente non mancano di sortire l'appeal negli ospiti alla festa. Alcune stravaganti interpretazioni com'è lecito aspettarsi da Moreno Cedroni, il panino all'insalata, con baccalà, olive e maionese, geniale e controverso il risotto al Pino Mugo e la faraona affumicata di Norbert Niederkofler. Tra le varie cose buone che si sono susseguite mi sono molto piaciute l'anatra affumicata alle spezie e caramello di Stefania Moroni, la ventresca di Spada lisciata all'olio di cenere di Pino Cuttaia, la trippa di baccalà e caviale con ricotta, taccole e pancetta di Oliver Glowig e poi ancora tante altre prelibatezze delle quali però nella confusione mi sono perso gli autori, cito con la speranza di un "chi l'ha visto" gastronomico uno straordinario Risotto ai frutti di mare crudi ed un altrettanto straordinario petto d'anatra laccato con purè di ceci e salsa al lardo affumicato.

Inutile a questo punto sottolineare quanto sia profondo il valore culturale che questo evento conserva, quanto sia eccezionale il patrimonio della cucina italiana ed i suoi grandi interpreti che alla ricerca di un rifugio sicuro dove custodire il suo valore lo hanno consegnato alla storia della nostra amata Campania Felix con la Festa a Vico, come non mai ombelico del mondo.

 


DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB