NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
03-04-2008 - MOIO: PIU' TRASPARENZA CONTRO I VIZI ITA



Vinitaly 2008, Moio: pi? trasparenza contro i vizi italiani

Luigi Moio, ordinario di Enologia a Portici, oltre ad essere titolare di aziende storiche in Campania, collabora con cantine in Puglia, nel Lazio, in Toscana e in Piemonte. Ma soprattutto si ? formato quattro anni a Bordeaux e, lavorando con i francesi, ha ben chiaro cosa sia la costruzione di una filiera vitivinivola in grado di affrontare il mercato globale e di resistere ai danni provocati da furbi e truffatori. ?Noi italiani siamo bravissimi a farci del male da soli?.

Nel senso che ? sbagliato rendere pubbliche queste inchieste?

?No, non ? questo. ? tipicamente italiano inseguire il mercato invece di imporre lo stile nel gusto come nei prezzi?.

Cio??

 ?Siamo in presenza di due problemi diversi nel cui specifico non entro perch? non conosco i fatti. Se ? vero quanto riportato dalla stampa, in un caso si adultera perch? si insegue il prezzo basso. Nel secondo per andare incontro ad un gusto che pensiamo sia nella testa di chi beve e non, invece, del territorio?.

 Perch? pensa che sia una caratteristica italiana?

?Perch? non si fa i conti con la tradizione e la storia. E rispetto alla grande tradizione mercantile francese facciamo la figura dei bottegai. Soprattutto con la scarsa trasparenza di alcuni comportamenti. Io non sono contrario all?uso di vitigni internazionali, purch? tutto avvenga in grande chiarezza di mercato. Mandare un messaggio diverso dalla realt? ci espone a gravi rischi quando poi saltano fuori queste notizie, vere o false poco importa?.

Oltre a fare appelli etici, c'? qualcosa di concreto da poter fare subito?

?Certo, intervenire sui disciplinari. Se in un territorio per poter fare un buon vino ? necessario introdurre nuovi vitigni, perch? non farlo? Meglio essere chiari con il mercato che fare guerre ideologiche che introducono proibizionismi inutili?.

dal Mattino del 5 aprile 2008

 


DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB