NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
12-03-2008 - Dolce amaro delle guide ai ristoranti



Dolce-Amaro delle Guide ai Ristoranti
 
Una Notizia che mi arriva dalla non vicina Irlanda del Nord racconta di una sentenza del tribunale della corte di appello di Belfast che condanna il titolare di una Pizzeria, The GoodFellas a restituire circa 25.000 sterline ricevute legittimamente in prima istanza come risarcimento danni da un editore citato in giudizio per avere "diffamato" tra gli altri un suo piatto definendolo (testualmente) "troppo dolce per essere edibile" per mano della giornalista Caroline Workman .
La battaglia era iniziata nel 2000 a seguito della pubblicazione dell'articolo dove la giornalista, che cura una rubrica specifica sull' Irisih News, oltre che ad avanzare riserve sulla bont? dei piatti aveva espressamente manifestato disapprovazione per la qualit? del servizio e per la capacit? dello staff stesso.
L'articolo, definito assolutamente fuori da ogni buon senso anche dall'Associazione che riunisce i ristoratori di Belfast era approdato nelle aule del tribunale e dopo un lungo tentativo di riconciliazione tra l'editore dell'Irish News Noel Doran e Ciaran Convery titolare della Pizzeria il giudice aveva sentenziato che le parole della giornalista cos? come erano riportate sull'articolo erano certamente diffamatorie e pertanto passabili di condanna.
Lo scorso Febbraio, fine della faccenda, il giudice della corte d'appello ribalta la sentenza riabilitando l'opinione "severa ma corrispondente al vero" dell'editore che appellandosi alla libert? di stampa invocava i principi democratici quali ispiratori del proprio lavoro, e la giornalista che continuava a ribadire che senza una palese obiettivit? sarebbe stata incapace di svolgere il suo lavoro e garantire una rubrica trasparente; Inascoltato Ciaran Convery ha lasciato il tribunale tuonando di rimettersi alla corte internazionale poich? a suo dire vittima dell'ennesima farsa giuridica.
 
A breve, solitamente subito dopo la primavera ripartir? anche in Italia la campagna di molte guide specializzate presso i locali recensiti e quelli (magari sfuggiti) meritevoli di (ri)attenzione. Giornalisti seri, professionisti e a volte anche (troppi) improvvisati avvieranno taccuini alla mano le macchine infernali delle stelle, delle forchette, dei gamberi, cappelli eccetera rincorrendosi per tutta la penisola a colpi di entre?, lasagnette, ravioli aperti ed uova bioniche, assieme ad elaborazioni meno eleganti da rappresentare ma certamente pi? esaustive come paste acqua e farina con rag? di lepri o capretti alle erbe o zuppe di fagioli consegnandoci il prossimo autunno un'altro capitolo rivisto ed aggiornato della nostra cucina, delle nostre cantine ma anche dei vezzi e delle virt? delle tavole italiane.
Come sempre non mancheranno, non sono mai mancate, dispute, lotte e rivendicazioni sulla primogenitura di questo o quel talento ma anche dall'altra parte fob?e, come "la paura dell'inserzionista della domenica" che siede alla tua tavola inconsapevole d'essere riconocibilissimo, per? io spero, e confido, pi? di sempre in un senso critico all'insegna dell' oggettivit? e soprattutto della costruzione, nel rispetto dei ruoli e soprattutto del sacrificio che tutto il comparto food, dalla ristorazione alla ospitalit? nelle sue diverse declinazioni sta affrontando, in un momento economico cos? di difficile gestione che soffre sempre di pi? di croniche mancanze di programmazione ed iniziative mirate alla salvaguardia di un settore che ancor di pi? rappresenta l'unica ancora di salvezza futura per molte delle regioni italiane, per il sud in particolar modo.
Mi sento, da consumatore ed operatore di ringraziare molte di queste guide che attraverso il loro lavoro hanno aperto sicuramente il mondo della ristorazione a confini pi? ampi consegnandogli (e consegnandoci) una risonanza spesso a livelli anche inimmaginabili, contemporaneamente per? sono sempre pi? convinto che la inevitabile brama di essere sempre presenti ha aperto un mercato di compravendita fino a qualche anno f? poco battuto dal marketing, almeno non con queste prerogative, con addirittura incidenza sui Buisness Plan di locali di nuova apertura con voci del tipo "consulenza di giornalisti-gourmet" prima ancora che validi e/o qualificati collaboratori di cucina o di sala. E poi certi strascichi...? mai possibile finire in tribunale per una margherita sbagliata?
 
Angelo Di Costanzo


DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB