NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
27-11-2009 - L'INTERVISTA DI G. NAPPI



Intervista assessore Gianfranco Nappi
di Mario Carillo

Gli antichi romani riconoscevano alla nostra terra, l’appellativo di Campania felix, un patrimonio unico per varietà di sapori, colori, cultura.

 I migliori vini decantati da Cicerone, Plinio, Marziale, Tibullo erano definiti come il nettare degli imperatori.

Per l’ortofrutta, Greci e Romani, apprezzavano non solo le incomparabili bellezze naturali del nostro territorio, facendosi costruire splendide dimore ma anche per la sua straordinaria vocazione agricola.

Sulla scia di quegli insegnamenti i nostri produttori, spinti dall’assessorato all’agricoltura della Regione, hanno intrapreso la strada del rinnovamento, dal Massico al Cilento, ristrutturando le proprie aziende, ridando vigore alle varietà autoctone.

La strada del vino del Cilento e altre simili iniziative portano alla scoperta di bellezze paesaggistiche, dai tesori d’arte come le aree archeologiche, alla ricchezza enogastronomica.

Abbiamo chiesto all’assessore all’agricoltura, Gianfranco Nappi,(nella foto) cinquantenne, tre figli, fiero di provenire dalla provincia napoletana, dall’età di 27 anni, parlamentare per tre legislature e segretario regionale Ds e, nello scorso mese di giugno nominato assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, dal governatore Bassolino, lo stato di salute del settore e le iniziative messe in campo per sostenere le aziende che nonostante l’impegno e l’entusiasmo si trovano, in questo momento, in difficoltà per la collocazione dei loro prodotti.

“D’intesa con l’ABi (Associazione Bancaria Italiana) Ismea (Istituto Servizi per il mercato agricolo e alimentare) e delle associazioni professionali, Coldiretti Cia, Cofagricoltura e Copagri, - ha risposto l’assessore - è stata definita tra le parti una intesa per una serie di interventi di contrasto alla crisi, da parte dell’Assessorato a finanziare le aziende con uno stanziamento complessivo di 5,5 milioni di euro che saranno presto messi a disposizione degli operatori.

Inoltre con l’apertura dei primi Tavoli di parteneriato, andiamo a dare un’accelerata importante per l’utilizzo di uno strumento, il Pirap, che grazie ad un finanziamento complessivo di oltre cento milioni di euro darà un contributo fondamentale allo sviluppo rurale sostenibile all’interno dei nostri Undici Parchi”.

- Da qualche tempo si parla dell’istituzione di Enoteche provinciali di cosa si tratta ?

“Dopo alcuni anni di stallo siamo riusciti, approvando un’apposita delibera, a sbloccare il progetto del “Sistema delle enoteche regionali”. Parlo di sistema perchè non si tratta di un unico luogo fisico, ma di un più vario raggruppamento di punti sul territorio, all'interno dei quali promuovere e diffondere le nostre pregiate produzioni vitivinicole. Oggi ci sono 4 milioni e mezzo di euro, affidati ad una società al 100 per cento della Regione com’è Città della Scienza con cui si gestirà un rapido processo di creazione di almeno sei-sette enoteche tra loro collegate e divise tra le varie province della Campania, perchè è giusto puntare sulla valorizzazione di tutte le specifiche territoriali in termini di comparto vitivinicolo.

Di base andremo a realizzare una sorta di “hub”, un punto massimo di diffusione da individuare al centro di Napoli, ma allo stesso tempo ci sarà la scelta dei presìdi nel Sannio, in Irpinia, a Salerno e nel Casertano.

E non escludo il collegamento tra il sistema e alcuni luoghi con massima affluenza di turisti, ad esempio musei e scavi archeologici.

Intanto a dicembre, all’hotel Excelsior di Napoli, ci sarà l’anteprima di Vitignoitalia che si svolgerà il 16,17 e 18 maggio 2010 nel Castel dell’Ovo dove saranno presenti oltre 100 cantine, occasione di discussione, di buon bere e di business per le nostre e aziende e quelle nazionali.

- Nelle sue conversazioni, nei vari convegni e promozioni, si sente parlare spesso di tour. Dove e come saranno organizzati?

“ Il comparto dell'Agroalimentare richiede una adeguata valorizzazione su tutti i livelli. Stiamo puntando a rafforzare la presenza dei nostri prodotti all'interno della Grande Distribuzione italiana, ma allo stesso tempo non si possono trascurare i mercati esteri. Per questo, oltre a confermare la partecipazione dei produttori campani alle più importanti fiere, come Anuga a Colonia, abbiamo pensato di realizzare con le nostre Camere di Commercio una serie di iniziative internazionali, attraverso un programma di incontri nelle capitali europee, in particolari quelle dei paesi da poco entrati nell'Unione, incontri con Camere di Commercio estere, Istituti di cultura e potenziali buyers locali. Tutto ciò, insomma, che può potenziare in breve tempo la visibilità delle nostre produzioni”.

- L’informazione è il punto cardine di ogni promozione, all’interno dell’ordine dei giornalisti, esiste un gruppo specializzato di enogastronomi, quale può essere il suo contributo ?

“ All'inizio del mio mandato ho voluto incontrare subito i vertici campani dell'Arga (Associazione Regionale Giornalisti Agricoli) che ritengo fondamentale per divulgare, spiegare e raccontare il patrimonio della nostra agricoltura. Con i giornalisti agricoli ci confronteremo spesso su tutti i temi del nostro lavoro, e per fare un po' il punto sarà preziosa occasione la kermesse che a dicembre organizzeremo alla Mostra d'Oltremare, dove esporremo l'intero comparto agroalimentare campano. E all'interno dell'evento troverà spazio proprio un convegno dell'Arga, che con Regione e ospiti esterni dibatterà su risorse, problemi e progetti da promuovere sul nostro territorio”

- Nella filiera enogastronomica, se si beve più vino, quale in particolare ?


“La nostra soddisfazione investe l'intera filiera. I dati relativi alla produzione di vino a marchio fanno affermare che la Campania, con 3 DOCG, 18 DOC e 9 IGT, produce in totale 1.768.070 ettolitri di vino a marchio, il 4,02% del totale Italia (43.946.440 ettolitri); di questi il 16,3% sono vini DOC e DOCG, il 15,4% sono IGT e il 68,3% vino da tavola. Intanto la produzione totale di vino nel 2008 e rispetto al 2007 è aumentata del 7%, in linea con il dato nazionale (+7,3%), l’incremento maggiore ha riguardato i vini DOC e DOCG, +22,6% per la Campania e +1,4 per l’Italia; questi dati testimoniano che la Campania investe in prodotti di qualità, che allo stesso modo sono consumati sempre di più sulle nostre tavole”.

- Quali sono i prodotti che possono fare la differenza con altre realtà italiane e internazionali ?

“Non c'è prodotto in Campania che non deve essere pienamente raccontato e valorizzato. Il nostro lavoro di promozione investe e investirà tutte le filiere, dall'ortofrutta al cerealicolo, passando per il comparto bufalino. Volendo soffermarmi su un esempio di eccellenza, mi viene in mente l'olio. La produzione di olive, infatti, nell’ultima annata agraria è stata pari a 2.594.472 quintali e con una resa in olio pari a 17,3% ha permesso di produrre una quantità di olio pari a 440.964 quintali, il 7,4% della produzione nazionale.

 E la Campania nel 2008 si è collocata tra le prime 5 regioni italiane (nell’ordine Toscana, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria ) e ha esportato sui mercati internazionali circa 53 milioni di euro di prodotto. La regione vanta ora 4 DOP e non a caso l’Assessorato promuove da anni l’unico concorso nazionale, Sirena d’oro, per l’olio extravergine di oliva Dop”.

Intervista di Mario Carillo, arga campania

Da www.argacampania.it


DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB