NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
27-03-2009 - IL SANNIOSHIRE



 

L'altra Campania, a 40 chilometri da Napoli, c’è un paesaggio di vigne e colline. Un mix di tradizioni e progetti up to date: dalle scuole del gusto ai bed&wine

 

Al World Travel Market di Londra, la più importante fiera turistica del mondo, lo hanno ribattezzato il Sannioshire: è la provincia di Benevento, l’altra Campania, quella interna, lontana dalle solite rotte, però a soli 40 chilometri dal centro di Napoli e a 20 dalla Caserta monumentale. Un territorio antico e per tanti versi ancora intatto, disegnato da vigne e ulivi secolari, e da piccoli villaggi-gioiello che poco, o forse nulla, hanno da invidiare ai borghi umbri e toscani. A dispetto di una storia millenaria, il rilancio turistico è recente e molto si deve all’iniziativa di intraprendenti napoletani della buona borghesia che hanno ristrutturato case, aperto country house tra cantine e vigneti, inaugurando così un nuovo corso. Un mix di storia, tradizioni e progetti up to date: è questo il nuovo Sannio che guarda al futuro. Da poco, per esempio, a Telese Terme è nato il primo resort extralusso: si chiama Aquapetra ed è una sorta di borgo immerso nel silenzio di ulivi secolari, dove la pietra antica cela arredi contemporanei e 45 tra camere e suite, tutte diverse. Torrecuso, (venendo da Benevento) è una delle porte di accesso al territorio sannita: le strade costeggiano vigne a perdita d’occhio, un saliscendi di morbide colline con il sole caldo e intenso del Sud. I grappoli rossi sono aglianico, il vitigno più antico della Campania, il più rappresentativo; quelli bianchi sono falanghina e coda di volpe. Perché, insieme all’Irpinia, il Sannio è il gran vigneto della Campania. Proprio a Torrecuso è stata aperta di recente la Scuola del Gusto che rilancerà nei circuiti enogastronomici nazionali e internazionali questo piccolo borgo di tremila anime, arroccato sulla Valle del Calore. La scuola, concepita come laboratorio di sapori e centro didattico, ha sede nel settecentesco Palazzo Caracciolo Cito, nel centro storico del paese. Da Torrecuso sino a Sant’Agata de’ Goti, passando per Castelvenere e Solopaca, è tutto un continuum di filari e aziende di vino. Molte si sono specializzate nell’accoglienza, aprendo le porte agli enoturisti e inaugurando i primi bed&wine della regione. La formula è quella della camera con vigna (chi vuole partecipa alla vendemmia, alla pigiatura, o alla svinatura). Succede per esempio alla Fattoria La Rivolta di Torrecuso, l’azienda di Paolo Cotroneo, farmacista napoletano e vignaiolo per passione. Nella dépendance accanto alla cantina Paolo ha aperto Le Vigne: sei camere declinate nei colori della campagna – dal giallo alla lavanda – con mobili d’epoca e lini naturali. Nella sala degustazione, con terrazza affacciata sui filari, si degustano le bottiglie più pregiate. Dalle finestre della tenuta si vede, da lontano, il Monte Taburno nel cuore del Parco Regionale del Taburno-Camposauro, un’oasi di natura intatta per passeggiare tra faggete secolari e castagneti (www.parcotaburno.it). Poco distante, Castelvenere è il comune più vitato della Campania, dove vale la pena fermarsi all’Antica Masseria Venditti (tel. 0824.94.03.06, www.venditti.it) e scoprire il vigneto didattico: circa 1600 metri quadri di terreno con dieci filari orientati nord-sud in coltura biologica dove l’enologo patron ha riunito venti vitigni antichi per la produzione. Ogni anno l’azienda apre le porte per la vendemmia notturna, un evento suggestivo che al rito della raccolta unisce la poesia dei racconti.

 

 Da www.corriere.it


DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB