NEWS
  
  CERCA LOCALE
  
 
   ADVERTISING
  
  PRINCIPALE
     Home page
     Chi siamo
     Statuto
     Contatti
     Iscriviti
     Registra il tuo locale
     Link
  TERRITORIO
     Area geografica
     Cenni storici
     La storia a tavola
  ENOGASTRONOMIA
     Vini
     Ricette
     Prodotti tipici
   LOCALI
     Ristoranti
  
  Pizzerie
  
  Pub
     Enoteche
     Vinerie
     Wine-bar
     Bar
     Pasticcerie
  
  Gelaterie
     Artigianato
     Prodotti tipici
     Tempo libero
  INTERAGISCI
      La tua pubblicità
      Cerca locale
      Vota il locale
      Visita il forum
  AREA RISERVATA
      Admin
   ADVERTISING
  
 
 
 
OGGI SU CAMPIFLEGREIATAVOLA.IT
12-12-2008 - CAMPANIA DA BERE 2009



Campania da bere 2009, l’antologia di vini campani di Gimmo Cuomo, in tandem col Corriere del Mezzogiorno e nelle migliori edicole e cartolibrerie.

 

Si rinnova l’appuntamento con «Campania da bere», la piccola antologia critica del vino regionale di Gimmo Cuomo. Ecco un brano dell’introduzione. Il libro sarà in edicola, con il “Corriere del Mezzogiorno”, l’inserto campano del Corriere della Sera diretto da Marco Demarco, a partire da oggi 2 dicembre.

Ecco, di seguito la prefazione del libro del giornalista, critico enologico del Corriere.

 

No, non è vero che gli assenti hanno sempre torto. In questo caso, per esempio, molti dei produttori non rappresentati all’interno dell’antologia, hanno, astrattamente, ragione ad essere incazzati. Sono quelli assenti per la dura legge, ma pur sempre legge, del turn over che ho coscientemente accettato di applicare nel momento (ormai sono passati più di quattro anni) in cui mi accingevo a scrivere la prima edizione di Campania da bere. Mai come stavolta questa pubblicazione rivela la sua natura antologica e rende immediatamente evidente la sostanziale differenza con quelle che convenzionalmente si definiscono guide.

 

Guide per chi, poi? E verso quale traguardo? La pretesa di guidare non mi appartiene. Ma chi assume l’onere di farlo dovrebbe spesso onorarlo con maggiore coscienza, con maggiore senso etico. Ecco, invece, che, con puntualità imbarazzante, molti aspiranti comandanti delle divisioni dei consumatori finiscono per condurre questi ultimi fuori strada, o peggio, cercano di guidarli alla rovina come il pifferaio magico con i topi. Che senso ha, infatti, recensire e magari premiare con un anno di anticipo sulla commercializzazione vini provati mentre erano ancora in affinamento? Quale funzione educativa si pensa di svolgere, o,più semplicemente, quale servizio si pensa di offrire, consigliando un vino che nessuno dei lettori della guida potrà assaggiare prima di un anno? Acqua, o, sembra il caso di dirlo, vino, passato. Le domande, già poste negli scorsi anni, continuano a riecheggiare nel nulla. Il malcostume dilaga. Purtroppo, la critica enogastronomica, nata come attività ludica, è diventata un grandissimo affare per molti. Per troppi. Anche per certi morti di sete, che mai in vita loro, prima cioè di essere promossi sul campo degustatori, avevano aperto bottiglie che non fossero quelle anonime acquistate nella salumeria sotto casa. Promossi degustatori o (a dispetto di un Ordine che, visto che esiste, dovrebbe selezionare forse più rigorosamente l’accesso alla professione) addirittura, giornalisti. Un titolo, quest’ultimo, inflazionatissimo, che basta, tuttavia, per fare provvista di bottiglie visitando le aziende o semplicemente contattando le stesse. Che consente di organizzare eventi e chiedere fondi pubblici per finanziarli, di beccare quanto meno qualche gettoncino di presenza per moderare dibattitti ai quali assistono quattro gatti quattro.

 

Nel settore enogastronomico si è sviluppata, insomma, una, sempre più vasta, area parassitaria, una sorta di grande limbo in cui si muovono personaggi che non si capisce bene che ruolo svolgano: non producono, non intraprendono, non comprano per rivendere, non rappresentano una determinata realtà produttiva, non svolgono attività di informazione. Presenzialisti indefessi in un piccolo mondo autoreferenziale, non portano alcun vantaggio al sistema economico del vino, delle produzioni agroalimentari, della ristorazione, anzi. Pizzicando di qua e di là tutto il pizzicabile, finiscono per appesantire il sistema stesso, contribuendo a far lievitare i costi. Che, naturalmente, verranno scaricati sull’anello debole della catena: il consumatore. Torniamo agli assenti. Come ho detto, molti, che in passato hanno ricevuto spazio (e in futuro continueranno ad averlo) nel libro e sul quotidiano, sono stati momentaneamente esclusi per fare largo a produttori esordienti o ad altri che non avevano avuto degna rappresentazione in precedenza. Capisco il loro rammarico. Ma il tempo, la fatica fisica spesa per cercare, assaggiare, recensire e catalogare i vini, non mi consentono per il momento, di supere le duecento etichette, in realtà duecentodue, un numero, credo, comunque significativo, che consente al lettore di avere una panoramica, se non esaustiva, quantomeno qualificata, delle attuali produzioni vinicole regionali.

 

di Gimmo Cuomo

www.corrieredelmezzogiorno.it

da www.corrieredelmezzogiorno.it

DATA TITOLO
05-05-2019 QUINTO QUARTO, DAL TRIPPAIOLO AL CARNACU
02-05-2017 MALAZE' IL TEMPO NECESSARIO
20-02-2015 "Ci Vdiamo DOP"
21-12-2014 AUGURI E MENU' DI NATALE
18-12-2014 BUON FESTE DA TUTTI NOI
23-11-2014 Il Mercato di CortoCircuito Flegreo
03-09-2014 Aspettando Malazè 2014
04-08-2014 malazè: I sei itinerari
05-06-2014 Anteprima malazè 2014
29-04-2014 #malaze2014 aspetta te!

 

Associazione enogastronomica “ CAMPI FLEGREI A TAVOLA “  Il cratere del gusto
Via Miliscola, 133 Pozzuoli(NA)
e-mail: info@campiflegreiatavola.it
Tutti i diritti sono riservati.

DESIGNED BY STYLAB